Attenzione, il sito da gennaio 2010 non viene più aggiornato, le inormazioni contenute potrebbero essere obsolete rispetto a nuove conoscenze scientifiche. Si raccomanda sempre di far riferimento al proprio medico o nefrologo di fiducia.
Il sodio in dialisi

L'alimentazione in dialsi - Il sodio

I liquidi   Il potassio   Apporto proteico   Sodio Cloruro   Calcio e Fosforo


La dialisi

Storia della dialisi

Accoglienza ed educazione delle persone che iniziano la dialisi

L'alimentazione in dialisi

L'accesso vascolare in dialisi

Emergenze in dialisi

Lavoro, scuola, hobby e viaggi in dialisi

I neo assunti in dialisi

Pubblicazioni

Siti consigliati

Vota il sito su Web-Link

Il sodio in dialisi.

L’accumulo di sodio fra una dialisi e l’altra aumenta la sensazione di sete con maggior difficoltà nel controllo dell’assunzione di liquidi e ciò determina l’aumento ponderale con possibile aumento dei valori pressori, perciò talvolta nel paziente in dialisi, può essere necessaria una dieta iposodica.


Interventi e consigli

Il sale fa aumentare la sete!

Limitare l’uso del sale aggiungendolo a fine cottura ed in modica quantità. Si può usare sale iodato mentre sono da evitare i sali dietetici.

Per insaporire le pietanze possono essere usate erbe aromatiche come: aglio, basilico, cipolla, origano, prezzemolo, rosmarino e salvia. In piccole quantità è indicato l’uso di aceto di vino, di mele e succo di limone.

Prosciutto, salame, formaggi ed alimenti conservati in scatola o affumicati fanno aumentare la sete perché ricchi di sale da preferire eventualmente quelli magri o sgrassati (prosciutto crudo o cotto, bresaola, speck).

Evitare il pesce conservato (tonno, sgombro, alici sotto sale, caviale) perché ricco di sale.


Valutazione

Il soggetto sente meno la sete ed il bisogno di bere si riduce.

La pressione si mantiene su valori normali.

Il valore del sodio nel sangue è nella norma